Professione

In questa rubrica vi presenteremo la professione di fisioterapista così come le possibilità di formazione e di formazione continua in quest’ambito di attività. Lo faremo in modo schematico per comunicarvi alcune informazioni su due fondamenti giuridici importanti: la legge sulle professioni mediche e la legge federale sulla promozione e sul coordinamento del settore universitario.

Profilo della professione

Il profilo di una professione comprende la descrizione di tutte le attività realizzate nella pratica della professione. Ritroviamo dunque un legame stretto con i ruoli esercitati dai professionisti. A livello più astratto, questi modelli sono definiti nel modello CanMEDS.

L’adattazione del modello di ruoli CanMEDS per la fisioterapia è stata realizzata nel 2009 dalle scuole universitarie. I seguenti ruoli sono dunque stati descritti per i fisioterapisti nell’ambito di una formazione di livello bachelor:

 
Il ruolo di esperto in fisioterapia

Come esperti in fisioterapia, i fisioterapisti eseguono delle attività che appartengono alla loro professione. Hanno inoltre la possibilità d’instaurare una gestione professionale nel loro ambito di attività e anche di realizzare delle valutazioni e di prendere delle decisioni di conseguenza.

Il ruolo di trasmettitore

Come trasmettitore i fisioterapisti devono sviluppare una relazione di fiducia nella loro attività professionale e trasmettere informazioni mirate.

Il ruolo di collaboratore competente

I fisioterapisti devono lavorare in modo efficace in un team interdisciplinare e interprofessionale.

Il ruolo di manager

I fisioterapisti devono gestire le loro attività in modo professionale, contribuire all’organizzazione della loro struttura e sviluppare la loro carriera professionale.

 
Il ruolo di difensore della salute

Come difensori della salute, i fisioterapisti devono appoggiarsi sulle loro competenze in modo responsabile. Devono anche utilizzare la loro influenza per migliorare la salute e la qualità di vita dei pazienti/clienti e della società nel suo insieme.

Il ruolo di apprendere e di insegnare
 

I fisioterapisti s’impegnano a proseguire in maniera continua la loro formazione basandosi su una pratica riflessa della professione e sullo sviluppo, la trasmissione e l’uso di conoscenze basate su prove scientifiche.

 
Il ruolo di membro di una professione

Come membri di una categoria professionale, i fisioterapisti s’impegnano per la salute e la qualità di vita delle persone e della società. Devono agire rispettando norme etiche e vigilare sulla propria salute.

La formazione

L’UNESCO ha stabilito la Classificazione internazionale tipo dell’educazione (CITE) che permette di classificare e di categorizzare i vari tipi d’insegnamento e i sistemi di formazione. Distingue diversi livelli (levels) e permette anche di indicare il livello di formazione (del migliore livello d’istruzione) in comparazione internazionale.

I studi di fisioterapia al livello bachelor in Svizzera sono realizzati in una scuola universitaria specializzata e orientata verso la pratica professionale (vedere i links qui sotto). Questo permette alla fisioterapia di situarsi al livello 6 della CITE (vedere il grafico qui sotto). Alcune scuole universitarie offrono inoltre la possibilità di fare un master («formazione di livello master») dopo l’ottenimento del bachelor ciò che permette di raggiungere il livello 7 della CITE.

Il conseguimento di un titolo di dottore (PhD) è in principio anche possibile. Si deve però realizzarlo in una scuola universitaria in Svizzera o all’estero.

Links utili sulla formazione dei fisioterapisti:

Italiano

Francese

Tedesco

La formazione continua

Formarsi per tutto l’arco della vita è un’esigenza del profilo professionale del fisioterapista. Il significato di quest’esigenza è purtroppo poco chiara per il momento. Un’ordinanza dovrà regolamentare questo.

Da un punto di vista generale, esistono tre tipi di formazione continua.

  • La formazione continua formale si svolge in un organismo di formazione o in un centro di formazione. Questo tipo di formazione continua permette di ottenere una certificazione e si basa su un obiettivo.

  • La formazione continua non formale non si svolge in un organismo di formazione o in un centro di formazione. Inoltre, non permette di ottenere una certificazione. Comunque è strutturata e basata su un obiettivo.

  • La formazione continua informale può svolgersi nel quotidiano, sul posto di lavoro o durante il tempo libero di un collaboratore. Non è strutturata.

L’ambito della fisioterapia è caratterizzato da una molteplicità di possibilità di corsi di formazione continua. Gruppi d’interesse specializzati sono attivi nell’ambito dei corsi. Alcune associazioni cantonali e regionali dispensano anch'esse interessanti corsi di formazione continua.

Nell'ambito della formazione continua, sono proposti Masters di formazioni continue (Master of Advanced Studies/MAS) a livello terziario. Troviamo pure diplomi di formazione continua DAS (Diploma of Advanced Studies, diploma di 30 ECTS al minimo) e CAS (Certificate of Advanced Studies, certificato di 10 ECTS al minimo). Il conseguimento di un MAS è anche possibile normalmente se un fisioterapista cumula parecchi CAS o DAS.

Una panoramica di corsi pertinenti si trova qui.

La legge sulle professioni della salute

Il 30 settembre 2016, il Parlamento ha adottato una nuova legge sulle professioni della salute. Questa legge regolamenta anche la fisioterapia.

Nell’interesse del sistema di salute pubblica, l’obiettivo di questa legge è di promuovere la qualità delle professioni della salute la cui formazione si svolge nelle scuole universitarie. Esigenze uniformi sono state definite a livello nazionale per la formazione e l’esercizio della professione. La legge regolamenta in particolare:

  • le competenze dei laureati di un diploma bachelor in fisioterapia;

  • l’accreditamento di questo cursus;

  • il riconoscimento dei diplomi stranieri;

  • il registro delle professioni della salute;

  • l’esercizio di una professione sotto la propria responsabilità.

Un’autorizzazione è necessaria per praticare la professione di fisioterapista. In alcuni casi può essere ritirata e possono essere applicate delle sanzioni. Doveri professionali sono stati definiti, per esempio sulla pubblicità, sul rispetto del segreto professionale, sull’assicurazione professionale o sulla necessità di formarsi per tutto l'arco della vita.

Il significato concreto di tutto questo non è ancora chiaro perché la legge così come l’ordinanza corrispondente devono ancora essere elaborate. Dettagli pertinenti di ogni ordinanza sono da poco in fase di elaborazione. physioswiss s’impegna in modo proattivo in questo ambito. physioswiss è rappresentata nel gruppo di lavoro. Le leggi sulla salute a livello cantonale devono anch’esse essere parzialmente riviste.

Il corso degli eventi e l’entrata in vigore della legge non sono ora conosciuti. Nessun referendum è stato lanciato. L’applicazione della legge torna al Consiglio federale che aspetta l’elaborazione dell’ordinanza. physioswiss stima che la legge sarà applicata verso la fine del 2019 o del 2020.

La legge federale sulla promozione e sul coordinamento del settore universitario

La legge federale sulla promozione e sul coordinamento del settore universitario (LPSU) costituisce uno strumento importante per la coordinazione della politica delle scuole universitarie svizzere, per la garanzia della qualità, per il finanziamento delle scuole universitarie, della ripartizione dei compiti in particolare riguardo agli ambiti onerosi così come per la regolamentazione del finanziamento federale.

Gli obiettivi della Confederazione sono i seguenti:

  • creare condizioni quadro favorevoli a un insegnamento e a una ricerca di elevata qualità;

  • creare uno spazio universitario comprendente scuole universitarie dello stesso livello, ma di tipo diverso;

  • promuovere lo sviluppo dei profili delle scuole universitarie e la concorrenza, in particolare nel campo della ricerca;

  • elaborare una politica universitaria nazionale coerente e in armonia con la politica federale di promozione della ricerca e dell'innovazione;

  • garantire la permeabilità e la mobilità tra le scuole universitarie;

  • unificare le strutture, i livelli di studio e i passaggi da un livello all'altro, nonché garantire il riconoscimento reciproco dei diplomi;

  • finanziare le scuole universitarie secondo principi unitari e orientati alle prestazioni;

  • provvedere al coordinamento della politica universitaria a livello nazionale e alla ripartizione dei compiti nei settori con costi particolarmente onerosi;

  • prevenire le distorsioni della concorrenza tra gli istituti accademici e gli operatori della formazione professionale superiore per quanto riguarda i servizi e le offerte di formazione continua.

Copyright © physioswiss 2018